Le Spark speciali presenti al SEMA Show 2012

Chevrolet onora il successo riscosso dalle sue piccole esplorandone il lato selvaggio al prossimo SEMA Show di Las Vegas. Saranno infatti presenti molte versioni speciali della piccola Spark: “Z-Spec”, “Sinister”, “The Color Run” e “Pink Out”, a dimostrazione delle possibilità per i clienti di poter vivere un’esperienza di guida personalizzata.

“Con le nuove piccole Chevy attiriamo giovani clienti col gusto per la personalizzazione, Spark, Sonic e Cruze sono le tele perfette per esprimere la loro personalità”, ha detto Chris Perry, vice presidente di Chevrolet marketing. “I contenuti, i colori e le prestazioni di ogni concept-car sono in corso di valutazione per la produzione in quanto Chevrolet è alla continua ricerca di nuovi modi per dare ai clienti una scelta più ampia.”

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le vendite di piccole Chevrolet nel mercato USA sono aumentate del 97% nel mese di settembre. Sonic(Aveo) ha registrato 7.525 immatricolazioni, per un totale di quasi 65.000 esemplari dall’inizio dell’anno. Spark, che è in vendita all’inizio di quest’anno in 18 mercati degli Stati Uniti, ha registrato 2.223 vendite nel mese di settembre. La berlina compatta Cruze è una delle auto più vendute del paese, con più di 180.000 vendite nei primi nove mesi del 2012, 25.787 nel solo mese di settembre.

“Il successo di queste piccole vetture continua a crescere e sempre più clienti ne scoprono il piacere di guida e l’elevato valore dei contenuti, inclusi gli accessori di infotainment come il MyLink di Sonic e Spark”, ha detto Perry.

I concept mostrano una varietà di espressioni di stile basate sulle prestazioni, tra cui la prima applicazione su Spark del trattamento Chevrolet Z-Spec, con tratti caratteristici quali gli inserti a griglia e i dettagli grafici, che delineano un design equilibrato, realizzato abbinando agli accessori di produzione Chevrolet, il meglio dell’aftermarket.
Gli accessori Z-Spec, progettati per l’acquisto e l’installazione attraverso concessionarie Chevrolet, potranno essere acquistati singolarmente per soddisfare i gusti e le tasche dei clienti. Non si esclude che dalla concept Z-Spec possa derivare un produzione in edizione limitata.

L’aspetto più aggressivo della concept Spark Sinister vuole fondere linee di ispirazione rallystica con un aspetto dark che ricorda le corse notturne, a suo agio fra le ombre di un distretto industriale cittadino.

Annunci

Spark Z-Spec al SEMA 2010

Chevrolet presenta le concept Cruze, Volt e Spark Z-Spec al SEMA 2010. Si tratta di allestimenti sportivi realizzati con gli accessori del catalogo ufficiale Z-Spec, che vanta la collaborazione di esperti del settore come Brembo, Borla, Sparco, BBS e K&N e che sarà presto disponibile per le vetture del marchio Americano.

La presenza della piccola Spark al Las Vegas Convention Center sembra essere un ulteriore passo di avvicinamento allo sbarco sul mercato nordamericano. La Spark Z-Spec propone la verniciatura Tangerine Orange metallizzato, guscio specchietti bianchi, griglia anteriore modificata, spoiler posteriore, terminale di scarico cromato, cerchi BBS da 17″, particolari in colore arancio interni, sedili Recaro, pomello cambio e pedaliera in alluminio e tappetini personalizzati Z-Spec.

Guarda la galleria di foto della Spark Z-Spec al SEMA

ElaborarE presenta il kit estetico Orciari

Sul numero di gennaio di ElaborarE c’è un piccolo articolo che racconta la storia della Matiz e presenta il kit di Orciari per la Matiz M150.

Si chiamava Lucciola e venne presentata al Motor Show di Bologna del ’93 da Giugiaro. Era realizzata sul pianale della Fiat Cinquecento e si poteva considerare un’antesignana delle attuali City Car, con una grande versatilità di carico, una motorizzazione ibrida sempre fornita dalla Casa torinese ed un occhio di riguardo verso la riciclabilità dei materiali oggi di grande attualità. Poteva ricoprire il ruolo di innovativa City Car Fiat, sostituendo la Cinquecento impostata in modo classico ma già allora piuttosto datato. La Fiat si è mostrata interessata al prototipo ma poi ha tergiversato ed il progetto è finito nelle mani dei coreani della Daewoo. Il resto è storia più recente perché quell’interessante mini concept oggi circola sulle nostre strade, modificata per quanto necessario alla produzione, col nome di Matiz. Dalla Corea ringraziano ancora il grande Designer ed indirettamente la Fiat e le sue scarse doti di lungimiranza sfociate nel restyling della Cinquecento, l’attuale Seicento, ben lontana dalla modernità della piccola monovolume d’oriente. La debacle Fiat parte anche da queste discutibili decisioni, senza contare che l’Italdesign si trova a Moncalieri a due passi da Torino. Volete elaborare la Matiz per darle un tocco di sportività? La Orciari produce un piacevole kit estetico molto adatto a questo scopo.