Test Drive di InfoMotori.com della Chevrolet Matiz

Test Drive di InfoMotori.com del 25 marzo 2005

 

Torgiano (PG) – Una macchina per signora (66% degli acquirenti) e, nel suo piccolo (3,495 metri di lunghezza, 1,495 di larghezza e 1,5 di altezza), anche una signora macchina.
È la nuova Matiz sulla quale campeggia il marchio Chevrolet e non più Daewoo.
Sono stati finalmente ridotti i consumi, incrementata la sicurezza, ammodernato il design ed abbassate le emissioni: tutti i modelli sono omologati Euro 4.
L’utilitaria sbarcherà in Italia a partire da maggio e, anche se il prezzo definitivo non è stato ancora stabilito, il costo per la versione d’ingresso sarà “molto competitivo” (parola del presidente di Chevrolet Italia John Passadis): inferiore agli 8.000 euro.

Rinnovata all’80%
La seconda generazione della piccola monovolume coreana ricorda la precedente versione nelle misure e nella forma: “Ma l’80% dei componenti è nuovo” sottolinea Passadis.
Il design di Giugiaro del primo modello è stato sostituito da quello, più aggressivo ed aerodinamico, degli esperti di Gm Dat ai quali si sono comunque uniti i tecnici di Italdesign. Spiccano la forma dinamica a cuneo e gli sbalzi corti: la linea di cintura si innalza rapidamente e le linee a freccia del cofano anteriore si estendono fino ai finestrini anteriori conferendo tensione e dinamismo alla vista laterale.
I paraurti sono diventati più massicci, la presa d’aria più grande ed i fari anteriori hanno assunto una forma più ammiccante che ritorna anche in quelli posteriori.
Ma, soprattutto, il frontale risponde ai nuovi regolamenti europei sulla sicurezza dei pedoni.
All’esterno, colpiscono gli enormi specchietti laterali che consentono una eccellente visibilità. Con le barre portatutto (1,518 metri l’altezza totale) la nuova Matiz ha una forma più armoniosa, ma è una questione di gusti.

Più sicurezza
L’incidenza dell’acciaio ad alta resistenza nella scocca è passata dal 37 al 51%: i benefici, assicurano alla Chevrolet, riguardano la sicurezza e non solo.
La nuova Matiz garantisce ai suoi passeggeri una protezione migliore in caso di incidente. L’abitacolo è diventato più robusto con migliorate capacità di distribuzione dell’energia in caso di impatto. Per la realizzazione della gabbia di sicurezza si è fatto largamente ricorso agli acciai ad alta resistenza con una riduzione di peso della scocca.
È stata annunciata una importante serie di equipaggiamenti per la sicurezza passiva: airbag frontali e laterali, cinture di sicurezza a tre punti, poggiatesta per tutti e cinque i posti, piantone dello sterzo ad assorbimento d’urto e imbottiture a protezione delle ginocchia. Sul fronte della sicurezza attiva, invece, ci sono l’Abs (Bosch) ed il nuovo assale semirigido posteriore.
Il servosterzo sarà di serie su 3 dei 4 allestimenti (Planet, Chic ed Energy).

Più comfort
Se da fuori sembra veramente piccola, all’interno si ha una sensazione sufficientemente gradevole per una vettura studiata e pensata per la città ed i brevi spostamenti… a patto di non essere di quelle persone da taglie nemmeno troppo forti, nel qual caso le ridotte dimensioni della city car si fanno sentire già al posto di guida. La sintesi del motto di Chevorlet è “stesse dimensioni, ma più qualità”.
Grazie al suo ridotto diametro di sterzata (9,2 metri) è facile da parcheggiare. Matiz è molto silenziosa. La guida è agevole e gli interventi sui supporti delle sospensioni più soffici, i nuovi ammortizzatori a gas ed alcune migliorie all’avantreno basato su montanti McPherson hanno reso la marcia serena.
È stata arricchita la dotazione di sistemi portaoggetti con vani, scomparti, ganci e tasche per ogni esigenza, o quasi.
Due i pannelli: uno con le spie di controllo dietro il volante ed un altro centrale con i quadranti classici visibili da tutti i passeggeri.

Meno consumi
Il contenimento del peso (della scocca, dei pedali, delle sospensioni del motore) è una delle componenti grazie alle quali la nuova Matiz è più “efficiente”: per il modello da 800 cc si è passati da 6,1 a 5,1 litri per 100 chilometri, mentre per la 1000 da 6,4 a 5,6. Si tratta di un abbattimento medio di quasi un litro (0,9 per la precisione) ogni 100 chilometri rispetto alla serie precedente.
Il risparmio di carburante arriva fino al 15%, grazie anche ad un sistema di distribuzione a basso attrito e ad un sensibili miglioramento del coefficiente di penetrazione (da 0,399 a 0,342).
Tutte le motorizzazioni della nuova Matiz sono a benzina e sono omologate Euro 4. Dovrebbe arrivare anche una versione “ibrida” a gpl: in fase di lancio, per il primo mese, impianto ed installazione (tra i 1.600 ed i 2.000 euro il costo) sarà gratuita. La garanzia per il motore sarà di 3 anni. Il diesel potrebbe esordire l’anno prossimo.

Le prestazioni
La velocità massima della 800 (796 cc a tre cilindri da 38 kW/52 cv) è di 145 orari (18,2 da 0 a 100), mentre quella della 1000 (quattro cilindri da 995 cc e 49 kW/66 cv) è di 156 (14,1). Il cambio è manuale a 5 marce, la trazione è anteriore.
Una parola anche per il bagagliaio: in base agli standard VDA, la capacità è di 170 litri che, ripiegando lo schienale posteriore (sdoppiato a asimmetrico: 60, 40) sale 845 litri.

Le versioni
In Italia, la nuova Matiz verrà proposta in due allestimenti: S e SE.
La prima è riservata esclusivamente alla motorizzazione da 800 cc proposta nelle versioni Smile e Placet. La seconda, invece, è mista: la Chic è da 800 cc mentre la Energy è l’unica da 1000 cc.
Il modello base dovrebbe approdare sul mercato con una dotazione di sicurezza che includerà il doppio airbag, l’ABS, l’imbottitura a protezione delle ginocchia, cinture di sicurezza a tre punti per tutti i sedili, chiusura centralizzata, vetri elettrici anteriori e sedili posteriori divisibili.

Mattia Eccheli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...